Canti-logo

Canti

Giacomo Leopardi

La prima edizione dei Canti fu pubblicata a Napoli, curata dall'autore, nel 1835. Superficialmente sarebbe potuta apparire un'ennesima raccolta della tradizione classicista italiana. Nulla di nuovo infatti nel contenuto e nel linguaggio. Il pessimismo e la noia sono temi che dall'Ecclesiaste erano apparsi regolarmente nella letteratura occidentale, da quella classica fino al Werther. Le sferzate poetiche contro la decadenza politica e civile della “patria”, le cui prime attestazioni nella tradizione culturale occidentale risalgono ai profeti veterotestamentari, già in Dante e Petrarca avevano raggiunto vette altissime. Nulla di sostanzialmente nuovo neanche nella lingua poetica, la stessa oramai canonica dal Petrarca in poi: “sembiante” per viso, “luci”, “lumi” o “rai” per occhi,“garzone” per giovane, “beltà”, “augelli”, “alma”, “cor”, ecc. Ma si legga a caso un passo dei Canti, ed ecco che, come nella musica di Mozart, siamo colpiti da un tono nuovo, unico, difficilmente analizzabile. Si provi ad invertire un qualunque sintagma e la magia scompare! Mai titolo fu più pertinente. Ma non è musica fine a sé stessa. Dispiegata sulle “ali del canto”, la voce, così profondamente sincera ed umana di Giacomo Leopardi, grazie all'ineffabilità che nasce dal suo sforzo poetico, continua a toccarci l'animo e il cuore come poche altre, nella poesia italiana. (Riassunto di Sergio Baldelli)

La prima edizione dei Canti fu pubblicata a Napoli, curata dall'autore, nel 1835. Superficialmente sarebbe potuta apparire un'ennesima raccolta della tradizione classicista italiana. Nulla di nuovo infatti nel contenuto e nel linguaggio. Il pessimismo e la noia sono temi che dall'Ecclesiaste erano apparsi regolarmente nella letteratura occidentale, da quella classica fino al Werther. Le sferzate poetiche contro la decadenza politica e civile della “patria”, le cui prime attestazioni nella tradizione culturale occidentale risalgono ai profeti veterotestamentari, già in Dante e Petrarca avevano raggiunto vette altissime. Nulla di sostanzialmente nuovo neanche nella lingua poetica, la stessa oramai canonica dal Petrarca in poi: “sembiante” per viso, “luci”, “lumi” o “rai” per occhi,“garzone” per giovane, “beltà”, “augelli”, “alma”, “cor”, ecc. Ma si legga a caso un passo dei Canti, ed ecco che, come nella musica di Mozart, siamo colpiti da un tono nuovo, unico, difficilmente analizzabile. Si provi ad invertire un qualunque sintagma e la magia scompare! Mai titolo fu più pertinente. Ma non è musica fine a sé stessa. Dispiegata sulle “ali del canto”, la voce, così profondamente sincera ed umana di Giacomo Leopardi, grazie all'ineffabilità che nasce dal suo sforzo poetico, continua a toccarci l'animo e il cuore come poche altre, nella poesia italiana. (Riassunto di Sergio Baldelli)
More Information

Description:

La prima edizione dei Canti fu pubblicata a Napoli, curata dall'autore, nel 1835. Superficialmente sarebbe potuta apparire un'ennesima raccolta della tradizione classicista italiana. Nulla di nuovo infatti nel contenuto e nel linguaggio. Il pessimismo e la noia sono temi che dall'Ecclesiaste erano apparsi regolarmente nella letteratura occidentale, da quella classica fino al Werther. Le sferzate poetiche contro la decadenza politica e civile della “patria”, le cui prime attestazioni nella tradizione culturale occidentale risalgono ai profeti veterotestamentari, già in Dante e Petrarca avevano raggiunto vette altissime. Nulla di sostanzialmente nuovo neanche nella lingua poetica, la stessa oramai canonica dal Petrarca in poi: “sembiante” per viso, “luci”, “lumi” o “rai” per occhi,“garzone” per giovane, “beltà”, “augelli”, “alma”, “cor”, ecc. Ma si legga a caso un passo dei Canti, ed ecco che, come nella musica di Mozart, siamo colpiti da un tono nuovo, unico, difficilmente analizzabile. Si provi ad invertire un qualunque sintagma e la magia scompare! Mai titolo fu più pertinente. Ma non è musica fine a sé stessa. Dispiegata sulle “ali del canto”, la voce, così profondamente sincera ed umana di Giacomo Leopardi, grazie all'ineffabilità che nasce dal suo sforzo poetico, continua a toccarci l'animo e il cuore come poche altre, nella poesia italiana. (Riassunto di Sergio Baldelli)

Language:

Italian

Narrators:

Sergio Baldelli

Length:

4h 16m


Chapters

Chapter 1
Chapter 1

07:41


Chapter 2
Chapter 2

11:54


Chapter 3
Chapter 3

11:50


Chapter 4
Chapter 4

06:39


Chapter 5
Chapter 5

04:15


Chapter 6
Chapter 6

07:05


Chapter 7
Chapter 7

06:06


Chapter 8
Chapter 8

08:02


Chapter 9
Chapter 9

05:08


Chapter 10
Chapter 10

06:51


Chapter 11
Chapter 11

03:55


Chapter 12
Chapter 12

01:34


Chapter 13
Chapter 13

03:33


Chapter 14
Chapter 14

01:24


Chapter 15
Chapter 15

06:40


Chapter 16
Chapter 16

06:38


Chapter 17
Chapter 17

11:02


Chapter 18
Chapter 18

04:08


Chapter 19
Chapter 19

11:21


Chapter 20
Chapter 20

08:18


Chapter 21
Chapter 21

03:57


Chapter 22
Chapter 22

12:12


Chapter 23
Chapter 23

08:00


Chapter 24
Chapter 24

03:05


Chapter 25
Chapter 25

03:10


Chapter 26
Chapter 26

08:34


Chapter 27
Chapter 27

07:03


Chapter 28
Chapter 28

01:23


Chapter 29
Chapter 29

07:44


Chapter 30
Chapter 30

06:55


Chapter 31
Chapter 31

03:43


Chapter 32
Chapter 32

18:38


Chapter 33
Chapter 33

04:15


Chapter 34
Chapter 34

17:29


Chapter 35
Chapter 35

01:04


Chapter 36
Chapter 36

01:22


Chapter 37
Chapter 37

02:21


Chapter 38
Chapter 38

01:39


Chapter 39
Chapter 39

05:33


Chapter 40
Chapter 40

02:12


Chapter 41
Chapter 41

01:42