Raconti scelti-logo

Raconti scelti

Anton Cechov

Anton Cechov (1860-1904), scrittore e medico russo, parla così della sua infanzia: "Mio padre cominciò a educarmi, o più semplicemente a picchiarmi, quando non avevo ancora cinque anni. Ogni mattina, al risveglio, il primo pensiero era: oggi sarò picchiato?... Sono stato allevato nella religione, ho cantato nel coro, ho letto gli Apostoli e i salmi in chiesa, ho assistito regolarmente ai mattutini, ho persino aiutato a servir messa e ho suonato le campane. E qual è il risultato di tutto ciò?Non ho avuto infanzia. E non ho più alcun sentimento religioso.»I suoi racconti, dall'umorismo tagliente, trovano qui le loro radici, e, sempre nelle parole di Cechov: «è arduo andare a caccia dell'umorismo. Vi sono giorni in cui si va alla ricerca delle facezie e se ne creano alcune di una banalità nauseante. Allora, volente o nolente, si passa nel campo della serietà». Fu così che ogni tanto gli fu permesso dagli editori di scrivere racconti con un registro serio o malinconico. Cornice musicale dall'Eugene Onegin di Tchaikovsky.

Anton Cechov (1860-1904), scrittore e medico russo, parla così della sua infanzia: "Mio padre cominciò a educarmi, o più semplicemente a picchiarmi, quando non avevo ancora cinque anni. Ogni mattina, al risveglio, il primo pensiero era: oggi sarò picchiato?... Sono stato allevato nella religione, ho cantato nel coro, ho letto gli Apostoli e i salmi in chiesa, ho assistito regolarmente ai mattutini, ho persino aiutato a servir messa e ho suonato le campane. E qual è il risultato di tutto ciò?Non ho avuto infanzia. E non ho più alcun sentimento religioso.»I suoi racconti, dall'umorismo tagliente, trovano qui le loro radici, e, sempre nelle parole di Cechov: «è arduo andare a caccia dell'umorismo. Vi sono giorni in cui si va alla ricerca delle facezie e se ne creano alcune di una banalità nauseante. Allora, volente o nolente, si passa nel campo della serietà». Fu così che ogni tanto gli fu permesso dagli editori di scrivere racconti con un registro serio o malinconico. Cornice musicale dall'Eugene Onegin di Tchaikovsky.
More Information

Genres:

Fiction

Description:

Anton Cechov (1860-1904), scrittore e medico russo, parla così della sua infanzia: "Mio padre cominciò a educarmi, o più semplicemente a picchiarmi, quando non avevo ancora cinque anni. Ogni mattina, al risveglio, il primo pensiero era: oggi sarò picchiato?... Sono stato allevato nella religione, ho cantato nel coro, ho letto gli Apostoli e i salmi in chiesa, ho assistito regolarmente ai mattutini, ho persino aiutato a servir messa e ho suonato le campane. E qual è il risultato di tutto ciò?Non ho avuto infanzia. E non ho più alcun sentimento religioso.»I suoi racconti, dall'umorismo tagliente, trovano qui le loro radici, e, sempre nelle parole di Cechov: «è arduo andare a caccia dell'umorismo. Vi sono giorni in cui si va alla ricerca delle facezie e se ne creano alcune di una banalità nauseante. Allora, volente o nolente, si passa nel campo della serietà». Fu così che ogni tanto gli fu permesso dagli editori di scrivere racconti con un registro serio o malinconico. Cornice musicale dall'Eugene Onegin di Tchaikovsky.

Language:

Italian

Narrators:

Silvia Cecchini

Length:

2h 32m


Chapters

Chapter 1
Chapter 1

06:23


Chapter 2
Chapter 2

08:20


Chapter 3
Chapter 3

07:47


Chapter 4
Chapter 4

08:45


Chapter 5
Chapter 5

14:36


Chapter 6
Chapter 6

11:00


Chapter 7
Chapter 7

10:48


Chapter 8
Chapter 8

05:32


Chapter 9
Chapter 9

09:42


Chapter 10
Chapter 10

10:55


Chapter 11
Chapter 11

13:15


Chapter 12
Chapter 12

10:57


Chapter 13
Chapter 13

13:09


Chapter 14
Chapter 14

14:25


Chapter 15
Chapter 15

06:33