Ci vuole una scienza-logo

Ci vuole una scienza

80 Favorites

E quindi proviamo a capirla: come funziona, che impatto ha sulle nostre vite. Ogni venerdì, con Emanuele Menietti e Beatrice Mautino.

Location:

United States

Description:

E quindi proviamo a capirla: come funziona, che impatto ha sulle nostre vite. Ogni venerdì, con Emanuele Menietti e Beatrice Mautino.

Language:

Italian


Episodes
Ask host to enable sharing for playback control

Come difendersi dalle zecche

7/12/2024
Da alcuni anni le popolazioni di zecche dei boschi sono aumentante in Italia e in diverse altre zone dell’Europa, anche a causa del cambiamento climatico che ha esteso il periodo di attività annuale di questi piccoli e spesso fastidiosi animali. Con la loro proliferazione sono aumentate le possibilità di contatto mentre si fa una passeggiata su un sentiero di montagna o in un bosco, con il rischio di ritrovarsi una zecca addosso, desiderosa di succhiare qualche goccia del nostro sangue. Oltre al fastidio, questi animali possono trasmettere malattie come la borreliosi di Lyme e l’encefalite delle zecche. In questa puntata ci occupiamo dei rimedi e degli accorgimenti per ridurre il rischio di uno spiacevole incontro o per rimuovere in sicurezza una zecca. Vediamo poi come è andata a finire con la vitamina D e il coronavirus e ci occupiamo di un ecocidio su una lontana e famosissima isola del Pacifico. Questo e gli altri podcast gratuiti del Post sono possibili grazie a chi si abbona al Post e ne sostiene il lavoro. Se vuoi fare la tua parte, abbonati al Post. Leggi anche: Stanno aumentando anche le zecche Lo speciale sulle zecche dell’Istituto superiore di sanità Borreliosi di Lyme Meningoencefalite da zecche Conoscere le zanzare per difendersi dalle zanzare Lo studio che raccomandava la vitamina D contro COVID-19 è stato ritirato La vitamina D, spiegata bene Forse sull’isola di Pasqua non ci fu un “ecocidio” Learn more about your ad choices. Visit megaphone.fm/adchoices

Duration:00:33:56

Ask host to enable sharing for playback control

Guida alle auto elettriche, spiegate con calma

7/5/2024
Ormai da decenni viene raccontato un futuro in cui guideremo solo automobili elettriche, ma quel futuro tarda ad arrivare non solo per problemi tecnologici, ma anche per una certa diffidenza verso un modo diverso di pensare e usare l’auto rispetto a come abbiamo fatto nell’ultimo secolo. Come per altri temi legati alla transizione energetica, il dibattito intorno alle auto elettriche è diventato sempre più polarizzato e poco informato. Ripartiamo dalle basi: in questa puntata speciale raccontiamo da dove arrivano le auto elettriche, come funzionano, quanto inquinano, quanto costano e cosa si può fare per migliorarle ancora, partendo dalle batterie. Questo e gli altri podcast gratuiti del Post sono possibili grazie a chi si abbona al Post e ne sostiene il lavoro. Se vuoi fare la tua parte, abbonati al Post. Leggi anche: L’automobile elettrica (1966) Non esiste un’auto elettrica senza la Cina Come vanno le cose nel paese con più auto elettriche al mondo Monitoraggio dei dati globali sui veicoli elettrici Rapporto Bloomberg sulle auto elettriche 5 cose che dovreste sapere sulle auto elettriche Veicoli elettrici - IEA Alberto Agliotti e le auto elettriche Quanto costa ricaricare l’auto elettrica rispetto al pieno diesel o benzina? La ricerca della batteria perfetta Learn more about your ad choices. Visit megaphone.fm/adchoices

Duration:00:37:46

Ask host to enable sharing for playback control

Erba alta in città

6/28/2024
Alcune amministrazioni locali hanno deciso di lasciare l’erba un po’ più alta del solito nei parchi cittadini per favorire la biodiversità, cioè la presenza di più specie diverse in un certo ambiente. È una pratica seguita da tempo in varie città europee che può portare a diversi benefici, ma che va contro a come siamo abituati a immaginare un prato in un contesto urbano: proviamo a capire perché. Ci occupiamo poi del nostro rapporto con la tecnologia, i social network e la salute, infine torniamo dalla Luna con qualche pietra dalla sua faccia nascosta. Questo e gli altri podcast gratuiti del Post sono possibili grazie a chi si abbona al Post e ne sostiene il lavoro. Se vuoi fare la tua parte, abbonati al Post. Leggi anche: Da un piccolo chicco di riso una grande novità È stata distrutta una coltivazione sperimentale di riso in provincia di Pavia L’importanza dell’erba alta Il ruolo delle “infrastrutture verdi” per gli insetti Impatto della frequenza di falciatura sull’abbondanza e sulla diversità degli artropodi negli habitat urbani Tutto sulle zanzare Perché chiedo un’avvertenza sulle piattaforme di social media La scienza incerta sui social media Comprendere i complessi collegamenti tra social media e comportamenti sanitari La grande riconnessione: i social media sono davvero dietro un’epidemia di malattie mentali adolescenziali? La missione spaziale cinese Chang’e 6 ha portato sulla Terra alcuni campioni di suolo lunare La Cina fa sul serio con la Luna Learn more about your ad choices. Visit megaphone.fm/adchoices

Duration:00:34:38

Ask host to enable sharing for playback control

L’energia nucleare, ma in piccolo

6/21/2024
Una start-up negli Stati Uniti ha avviato la costruzione di una centrale nucleare a fissione di nuova generazione, con un reattore più piccolo che sostiene essere più sicuro e meno costoso rispetto a quelli solitamente utilizzati negli impianti. Bill Gates, una delle persone più ricche al mondo, ha finanziato il progetto con un miliardo di dollari ed è disposto a spenderne ancora se necessario. Ma in cosa è diverso questo nuovo sistema e cambierà davvero qualcosa nella produzione dell’energia elettrica dal nucleare? Vediamo poi a che punto è arrivata la legge europea per il ripristino della natura, tra colpi di scena e battibecchi, e infine scopriamo cosa c’entrano i terremoti con Taylor Swift. Questo e gli altri podcast gratuiti del Post sono possibili grazie a chi si abbona al Post e ne sostiene il lavoro. Se vuoi fare la tua parte, abbonati al Post. Leggi anche: Perché si riparla tanto di energia nucleare TerraPower: Natrium Confusione nucleare Dove finiranno le scorie nucleari in Italia? I paesi dell’UE approvano, dopo alcuni ritardi, una legge fondamentale sulla natura Le proteste degli agricoltori sono un pezzo di una storia più grande, che sfama il mondo Trema: i concerti di Taylor Swift scuotono Edimburgo Learn more about your ad choices. Visit megaphone.fm/adchoices

Duration:00:30:38

Ask host to enable sharing for playback control

Tornare interi dallo Spazio con Starship

6/14/2024
Portare un palazzo di 40 piani in orbita è più o meno l’obiettivo che si è dato Elon Musk e iniziano a esserci i primi veri progressi. Qualche giorno fa per la prima volta l’enorme astronave di SpaceX è tornata intera sulla Terra, per quanto malconcia, dopo un nuovo test di lancio. Per l’astronave che forse un giorno ripoterà gli astronauti sulla Luna serviranno ancora molti lanci sperimentali, con obiettivi che sembrano quasi da fantascienza. Qui sulla Terra, intanto, si discute dell’opportunità di esporre resti umani nei musei di storia naturale e del modo più rispettoso, e scientifico, per farlo. Infine vediamo come procedono i negoziati per un piano pandemico internazionale: spoiler, male. Questo e gli altri podcast gratuiti del Post sono possibili grazie a chi si abbona al Post e ne sostiene il lavoro. Se vuoi fare la tua parte, abbonati al Post. Leggi anche: Un nuovo successo per Starship La capsula spaziale Starliner ha effettuato il suo primo lancio con astronauti a bordo La Cina fa sul serio con la Luna Il lancio dello Sputnik 1 Mütter Museum Il Museo di storia naturale di New York non sa cosa fare con i suoi resti umani L’inchiesta sulla collezione di resti umani dello Smithsonian “Alla Ricerca della Vita” – il nuovo podcast del Museo Egizio Le ultime novità sul piano pandemico OMS La scienza che ci aspetta Learn more about your ad choices. Visit megaphone.fm/adchoices

Duration:00:32:51

Ask host to enable sharing for playback control

L’estate del vermocane

6/7/2024
Tra titoli allarmati sui giornali e avvistamenti più frequenti del solito, c’è una certa preoccupazione per i vermocani, particolari creature marine che vivono nel Mediterraneo dalle quali è meglio stare alla larga per evitare dolorose punture. Ma davvero i vermocani rovineranno l’estate balneare che sta iniziando? Vediamo perché non c’è molto da preoccuparsi per le nuotate estive e perché semmai il problema con i vermocani è un altro, forse legato al cambiamento climatico. Ci occupiamo poi di un complicatissimo problema di matematica, delle teorie del complotto intorno ai virus e del sesso molto particolare degli alpaca. Questo e gli altri podcast gratuiti del Post sono possibili grazie a chi si abbona al Post e ne sostiene il lavoro. Se vuoi fare la tua parte, abbonati al Post. Leggi anche: Hermodice carunculata Ecologia, distribuzione ed espansione di un invasore originario del Mediterraneo, l’Hermodice carunculata La presenza del vermocane nel Mar Mediterraneo: cosa sappiamo? AvvistAPP Questionario di Worms Out Un’incredibile dimostrazione matematica così complesse che quasi nessuno riesce a spiegarla Dimostrazione della congettura geometrica di Langlands Fauci respinge le accuse “assurde” secondo cui avrebbe condotto un insabbiamento di COVID-19 Opinioni: Perché la pandemia probabilmente è iniziata in un laboratorio, in 5 punti chiave Inseminazione nell’alpaca Vicugna pacos: ferita copulatoria e deposizione profonda di liquido seminale Learn more about your ad choices. Visit megaphone.fm/adchoices

Duration:00:31:54

Ask host to enable sharing for playback control

Il diritto all’aborto riguarda anche la salute pubblica

5/31/2024
Negli ultimi tempi si è tornato a discutere molto dell’interruzione volontaria di gravidanza, soprattutto in seguito alle ricorrenti dichiarazioni di esponenti del governo e ad alcune importanti decisioni all’estero, come quelle della Corte Suprema negli Stati Uniti. È un argomento estremamente complesso e delicato su cui ci sono sia sensibilità e convinzioni personali sia dati e valutazioni scientifiche, trattandosi anche di una questione di salute pubblica talvolta sottovalutata. Ci spostiamo poi a Parigi per scoprire un progetto senza precedenti per trasformare la Senna in un’enorme piscina per le Olimpiadi e non solo. Leggi anche: La missione Euclid dell’ESA celebra i primi esiti scientifici con sfolgoranti vedute del cosmo C’è qualcosa di oscuro nell’Universo Testo integrale della legge 194 Il Servizio sanitario nazionale è come l’aria La pagina dell’Organizzazione mondiale della sanità sull’aborto Come sta la Legge 194? I “pro-life” entrano nelle scuole pubbliche per insegnare che i contraccettivi sono pericolosi Aborto e non solo: le argomentazioni dei gruppi anti-scelta non hanno alcuna base scientifica Rapporto globale sulla sanità e gestione delle acque reflue nelle città e negli insediamenti umani Parigi inaugura un enorme bacino di stoccaggio dell’acqua per ripulire la Senna in vista delle Olimpiadi Il sito ufficiale di Parigi 2024 La sezione del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie dedicata a Escherichia coli Cose - L’importante è partecipare Learn more about your ad choices. Visit megaphone.fm/adchoices

Duration:00:34:32

Ask host to enable sharing for playback control

La nuova frontiera dei trapianti di organi da animali geneticamente modificati

5/24/2024
In Italia circa 8mila persone sono in attesa di un trapianto di organo con lunghe liste di attesa, in parte dovuta alla mancanza di donazioni a sufficienza degli organi. È un problema che riguarda molti paesi e da qualche tempo alcuni gruppi di ricerca stanno sperimentando una soluzione: modificare geneticamente organi di altre specie animali - come cuore e reni di maiale - per renderli compatibili con gli esseri umani. Negli Stati Uniti sono già stati effettuati alcuni trapianti di questo tipo, raccontati con una certa enfasi ed entusiasmo rispetto agli effettivi risultati. Vediamo a che punto sono i nuovi “xenotrapianti” e com’è la situazione in Italia per quanto riguarda i donatori. Ci occupiamo poi dell’assolutismo sulle creme solari, tra loro importanza e opportunità di stare comunque ogni tanto al sole, e infine di Monna Lisa tra geologia e antichi ponti. Sono aperte le iscrizioni alle “10 lezioni sui podcast” del Post, dieci incontri online per chi vuole capire meglio come funzionano i podcast, dall’idea alla pubblicazione. Le lezioni saranno due volte a settimana, in diretta, insieme a chi li pensa, chi li scrive, chi li registra. Ci saranno sia autori del Post (da Stefano Nazzi a Francesco Costa) sia ospiti esterni. Ci si può iscrivere fino al 27 maggio. Trovi altre informazioni a questo link o scrivendo a scuola@ilpost.itLeggi anche: Guida minima ai Campi Flegrei Il primo trapianto di cuore da un suino geneticamente modificato Un rene da un suino geneticamente modificato è stato trapiantato in un essere umano Trapianti di organi di maiale: cosa hanno insegnato agli scienziati tre pazienti umani Gli xenotrapianti sul sito della FDA Centro nazionale trapianti Le creme solari, spiegate bene Tutto sulla vitamina D Contro l’assolutismo della protezione solare Il mistero del luogo in cui è stata dipinta la Gioconda è stata risolto, dice un geologa Learn more about your ad choices. Visit megaphone.fm/adchoices

Duration:00:29:33

Ask host to enable sharing for playback control

Da un piccolo chicco di riso una grande novità

5/17/2024
Il 13 maggio in un campo vicino a Pavia sono state trapiantate le prime piante di RIS8imo, un riso modificato con le nuove tecniche di evoluzione assistita per renderlo resistente al brusone, un fungo che causa danni enormi al settore. Se tutto funzionerà come previsto, potremo coltivare riso usando meno agrofarmaci e riducendo il loro impatto sull’ambiente. È la prima sperimentazione in campo di questo genere da quasi vent’anni nel nostro paese, tra divieti e un confronto spesso agguerrito sugli OGM. Ci occupiamo poi di sostenibilità e voli aerei, in vista delle vacanze estive, e di aurore e tempeste solari. Leggi anche: Siete sicuri di sapere cosa sono gli OGM? Contro natura. Dagli OGM al «bio», falsi allarmi e verità nascoste del cibo che portiamo in tavola Che cos’è CRISPR/Cas9 La vera sfida di una tecnica rivoluzionaria per modificare il DNA Al via la sperimentazione italiana di riso realizzata con Tecniche di Evoluzione Assistita Le compensazioni delle emissioni delle compagnie aeree sono affidabili? Le compagnie aeree vogliono far acquistare compensazioni per le emissioni di anidride carbonica. Gli esperti dicono che è una “fregatura” Le compensazioni per i voli valgono la pena? Il problema più grande del trasporto aereo Che cosa sono le aurore Sono aperte le iscrizioni alle “10 lezioni sui podcast” del Post, dieci incontri online per chi vuole capire meglio come funzionano i podcast, dall’idea alla pubblicazione. Le lezioni saranno due volte a settimana, in diretta, insieme a chi li pensa, chi li scrive, chi li registra. Ci saranno sia autori del Post (da Stefano Nazzi a Francesco Costa) sia ospiti esterni. Ci si può iscrivere fino al 27 maggio. Trovi altre informazioni a questo link o scrivendo a scuola@ilpost.it Learn more about your ad choices. Visit megaphone.fm/adchoices

Duration:00:37:09

Ask host to enable sharing for playback control

Il talco e il rischio tumori, da capo e senza allarmismi

5/10/2024
Negli ultimi giorni si è parlato molto sui media e sui social network della recente proposta della multinazionale farmaceutica e cosmetica Johnson&Johnson di chiudere - con un pagamento di circa 6,5 miliardi di dollari - buona parte delle migliaia di cause avviate negli Stati Uniti da persone che ritengono di aver sviluppato tumori in seguito all’uso del talco prodotto dall’azienda. Si è parlato di contaminazioni di amianto e c’è stato qualche titolo allarmistico su una delle polveri più usate in ambito cosmetico, generando non poca confusione e qualche comprensibile preoccupazione. Vediamo come è iniziato tutto, perché da anni si parla del talco di Johnson&Johnson e soprattutto se ci sono effettivamente rischi e di che tipo nel respirare le nuvole di talco. Ci occupiamo poi dei problemi mesozoici del ministro dell’Istruzione e di piombo nei capelli di Beethoven. Sono aperte le iscrizioni alle “10 lezioni sui podcast” del Post, dieci incontri online per chi vuole capire meglio come funzionano i podcast, dall’idea alla pubblicazione. Le lezioni saranno due volte a settimana, in diretta, insieme a chi li pensa, chi li scrive, chi li registra. Ci saranno sia autori del Post (da Stefano Nazzi a Francesco Costa) sia ospiti esterni. Ci si può iscrivere fino al 27 maggio. Trovi altre informazioni a questo link o scrivendo a scuola@ilpost.it Leggi anche: La scienza nascosta dei cosmetici Johnson & Johnson sapeva da decenni che l’amianto era presente nel talco Ecomuseo delle Miniere e della Valle Germanasca Mortalità nel gruppo dei minatori di talco della Val Chisone, Nord Italia: 74 anni di follow-up Come si fa a definire se qualcosa è cancerogeno Dinosauri eccellenti. Da Ciro a Sophie, storie di celebrità estinte Gli ultimi giorni dei dinosauri. Come un asteroide ha dato inizio al nostro mondo Le ciocche dei capelli di Beethoven Forse con la sordità di Beethoven c’entrava il vino Dieci giorni di Morning, per tutti Learn more about your ad choices. Visit megaphone.fm/adchoices

Duration:00:33:27

Ask host to enable sharing for playback control

E le cicale?

5/3/2024
Miliardi di cicale stanno per emergere dal suolo e nei prossimi mesi invaderanno buona parte degli Stati Uniti. Non è la prima volta che succede, ma è raro che emergano due covate nello stesso momento e per questo c’è grande attenzione, non solo da parte degli entomologi, ma anche dei media che parlano di “Cicadageddon”. Vediamo perché così tante cicale e tutte insieme. Ci occupiamo poi di agricoltura e sostenibilità e di antiche Barbie da conservare. Leggi anche: Controllo del ciclo di vita delle cicale periodiche di 13 e 17 anni: un’ipotesi e le sue implicazioni nel processo evolutivo Le cicale periodiche Come emergono insieme le cicale? Aspetti termofisici del loro processo decisionale collettivo Abbiamo bisogno della natura per salvare la nostra agricoltura Le proteste degli agricoltori sono un pezzo di una storia più grande, che sfama il mondo Salvare Barbie dal suo vizio innato La plastica che vorremmo conservare per sempre Sono aperte le iscrizioni alle “10 lezioni sui podcast” del Post, dieci incontri online per chi vuole capire meglio come funzionano i podcast, dall’idea alla pubblicazione. Le lezioni saranno due volte a settimana, in diretta, insieme a chi li pensa, chi li scrive, chi li registra. Ci saranno sia autori del Post (da Stefano Nazzi a Francesco Costa) sia ospiti esterni. Ci si può iscrivere fino al 27 maggio. Trovi altre informazioni a questo link o scrivendo a scuola@ilpost.it Learn more about your ad choices. Visit megaphone.fm/adchoices

Duration:00:31:20

Ask host to enable sharing for playback control

Cosa sappiamo davvero sull’aumento dei tumori giovanili

4/26/2024
Da mesi si discute - tra esperti e sui giornali - di un’analisi che ha segnalato come negli ultimi trent’anni l’incidenza di casi di cancro tra le persone con meno di 50 anni di età sia aumentata di quasi l’80 per cento a livello globale, in maniera particolare per i tumori gastrointestinali, al seno e alla prostata. Capire come stiano veramente le cose, le eventuali cause e se stia sfuggendo qualcosa è però difficile ed è un esempio di come fatichiamo a confrontarci con l’incertezza, soprattutto nel caso dei problemi di salute. Si può però provare a raccontare quell’incertezza, facendo anche chiarezza. Vediamo poi come il déjà vu e il jamais vu raccontano qualcosa della nostra mente, torniamo a comunicare con la sonda Voyager 1 e affrontiamo un misterioso caso di svenimenti dal parrucchiere. Questo e gli altri podcast gratuiti del Post sono possibili grazie a chi si abbona al Post e ne sostiene il lavoro. Se vuoi fare la tua parte, abbonati al Post. Leggi anche: Perché così tante persone giovani si ammalano di cancro? Cosa dicono i dati Tendenze globali nell’incidenza, nella mortalità e nei fattori di rischio dei tumori a insorgenza precoce dal 1990 al 2019 Il grande dibattito sulla colonscopia Perché è così difficile avere vaccini contro il cancro Una revisione dell’esperienza del déjà vu L’induzione del jamais vu in laboratorio: alienazione delle parole e sazietà semantica Perché scrivere molte volte una parola può renderla strana La sonda Voyager 1 della NASA riprende l’invio di dati tecnici alla Terra La sonda Voyager 1 e il Golden Record Anatre e come nutrirle Learn more about your ad choices. Visit megaphone.fm/adchoices

Duration:00:33:05

Ask host to enable sharing for playback control

Latte vero, “latte” vegetale, latte sintetico e invasioni marziane

4/19/2024
Le bevande alternative al latte sono sempre più diffuse, mentre il consumo di latte vaccino è in calo soprattutto nei paesi con le economie più sviluppate. Ma al di là dei gusti, le alternative sono meglio dell’originale? Ed è vero che le bevande a base di soia, riso o avena sono più sostenibili dal punto di vista ambientale, ma sono meno nutrienti? Abbiamo preparato una guida per fugare qualche dubbio e smontare un po’ di convinzioni errate. Ci spostiamo poi su Marte per scoprire quanto sia difficile portare sulla Terra i campioni di suolo marziano per analizzarli e trovare indizi sulla vita. Questo e gli altri podcast gratuiti del Post sono possibili grazie a chi si abbona al Post e ne sostiene il lavoro. Se vuoi fare la tua parte, abbonati al Post. Leggi anche: Latte vaccino vs latte vegetale: quale è meglio? Come il latte animale e le alternative a base vegetale si differenziano in termini di composizione di acidi grassi, aminoacidi e minerali Il “senza glutine” è meglio solo per alcune persone Le molte bevande vegetali che sostituiscono il latte Fare il latte per il Parmigiano Reggiano non rende più come una volta “La guerra dei mondi”, radiodramma di Orson Welles (1938) Revisione indipendente su Mars Sample Return La NASA cerca progetti innovativi nell’ambito della missione Mars Sample Return EXTRA - Ci vuole una scienza live: 100 Learn more about your ad choices. Visit megaphone.fm/adchoices

Duration:00:35:15

Ask host to enable sharing for playback control

Il Servizio sanitario nazionale è come l’aria

4/12/2024
Siamo abituate e abituati ad averlo praticamente da sempre con noi e proprio come l’aria ci accorgiamo della sua importanza quando inizia a mancare. L’assistenza sanitaria pubblica ha contribuito a migliorare fortemente l’aspettativa di vita in Italia. È una delle risorse più importanti del nostro paese, eppure da molti anni viene trascurata e finanziata meno di quanto avvenga in altri grandi paesi europei. Scoprire la sua storia aiuta a capire perché alcune cose non funzionano, perché i costi sono aumentati e perché la sanità privata è continuata a crescere. Vediamo poi un modo particolare di occuparsi di cambiamento climatico e chiedere maggiori interventi di mitigazione: fare causa ai governi. Infine, ci occupiamo di titoli di giornale da eclissarsi. Questo e gli altri podcast gratuiti del Post sono possibili grazie a chi si abbona al Post e ne sostiene il lavoro. Se vuoi fare la tua parte, abbonati al Post. Leggi anche: Non possiamo fare a meno del servizio sanitario pubblico La storia della sanità pubblica, per come la conosciamo Gimbe: “Quasi 2 mln di persone hanno rinunciato a curarsi per ragioni economiche. A rischio 2,1 mln di famiglie indigenti” La rivoluzione del servizio sanitario nazionale La rivoluzione della salute universale Più salute per tutti Perché in Italia mancano medici, mediche e non solo Marzo 2024 - Decimo mese consecutivo con il record di temperatura più alta a livello globale I modelli climatici non possono spiegare l’enorme anomalia della temperatura nel 2023: potremmo trovarci in un territorio inesplorato Una piccola ma importante vittoria per il clima alla Corte europea dei diritti dell’uomo L’importante sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo sul clima, spiegata La scienza intorno all’eclissi totale di Sole di lunedì Learn more about your ad choices. Visit megaphone.fm/adchoices

Duration:00:40:26

Ask host to enable sharing for playback control

Il problema dei 3 corpi è un bel problema

4/5/2024
La nuova serie di Netflix, ispirata al romanzo di fantascienza di Liu Cixin, racconta di uno strano mondo dove si alternano “Ere dell’ordine” ed “Ere del caos” che fanno prosperare o finire intere civiltà. Ma al di là della fantascienza, che cosa c’è di scientifico in questa storia? Tra sistemi solari affollati di soli e interazioni gravitazionali, abbiamo messo insieme una breve guida per capire meglio il problema per antonomasia nella meccanica celeste. Proviamo poi a mettere ordine nel caos scoprendo il lavoro di un adorabile matematico, che ha da poco ricevuto uno dei premi più prestigiosi per chi studia la matematica (e non solo). Infine vedremo quanto ci sia da preoccuparsi delle ultime notizie sull’influenza aviaria. Questo e gli altri podcast gratuiti del Post sono possibili grazie a chi si abbona al Post e ne sostiene il lavoro. Se vuoi fare la tua parte, abbonati al Post. Leggi anche: Il problema del tre corpi di Liu Cixin Che cos’è davvero il problema dei tre corpi Il sito del Premio Abel Michel Talagrand, premio Abel 2024: come matematizzare la complessità Il caso di influenza aviaria in un umano contagiato da un bovino L’influenza aviaria, senza allarmismi Learn more about your ad choices. Visit megaphone.fm/adchoices

Duration:00:35:32

Ask host to enable sharing for playback control

Tutto sui capelli, dalla crescita alla caduta passando per tinte e molti miti

3/29/2024
Abbiamo tra i 100mila e i 150mila capelli in testa, almeno fino a un certo punto della vita, eppure sappiamo poche cose su come sono fatti e le cose che davvero funzionano per prendercene cura. In questa puntata speciale vediamo che cosa sono scientificamente i capelli, perché crescono e cadono in un certo modo, come e ogni quanto bisogna lavarli, che cosa li rende di colori e forme diverse da persona a persona, e cosa fanno tutte le sostanze che usiamo per tingerli, acconciarli o provare a tenerli in salute. Ci sono moltissime convinzioni errate sull’argomento, che talvolta derivano da certe scelte di marketing lontane dalle conoscenze scientifiche. Una puntata da condividere, guardando molto il capello. Questo e gli altri podcast gratuiti del Post sono possibili grazie a chi si abbona al Post e ne sostiene il lavoro. Se vuoi fare la tua parte, abbonati al Post. Leggi anche: La scienza dei cosmetici Il canale YouTube di Beatrice Mautino I maglioni fatti di capelli Lo stress fa cadere i capelli? Come mai le donne portano tradizionalmente i capelli più lunghi Perché i capelli diventano bianchi I trapianti di capelli funzionano? La nuova vita di un vecchio rimedio contro la calvizie Anche i capelli vanno protetti dal sole? Learn more about your ad choices. Visit megaphone.fm/adchoices

Duration:00:58:22

Ask host to enable sharing for playback control

Del resto sulla Luna ci siamo già stati, no?

3/22/2024
Il primo successo di Starship, la grande astronave di SpaceX, è un piccolo passo nello Spazio per poterne fare uno più grande in futuro sulla Luna e tornare a esplorarla con gli astronauti. Ma perché è così difficile tornare sulla Luna a 55 anni dal primo vero passo sul suolo lunare di Neil Armstrong? Secondo le teorie del complotto la risposta possibile è solo una: perché sulla Luna non ci siamo mai stati. In realtà le cause sono molto più semplici e non comprendono complotti spaziali. Ci spostiamo poi in Africa per fare il punto sul virus ebola, a dieci anni dalla grave epidemia che causò la morte di migliaia di persone, e sui progressi coi vaccini per contrastarla. Questo e gli altri podcast gratuiti del Post sono possibili grazie a chi si abbona al Post e ne sostiene il lavoro. Se vuoi fare la tua parte, abbonati al Post. Leggi anche: Il lancio di Starship è stato un successo Perché la NASA ha rinviato i suoi piani per la Luna 50 cose sui 50 anni dell’uomo sulla Luna Nella testa dei complottisti Complotti Lunari: come indagare una teoria di complotto Le cose rimaste sulla Luna Ebola, 10 anni dall’epidemia più letale Ebola: I sopravvissuti che sono ancora contagiosi - 10 anni dopo la più grande epidemia mondiale Uno studio dimostra che il vaccino contro l’Ebola dimezza la mortalità Learn more about your ad choices. Visit megaphone.fm/adchoices

Duration:00:37:17

Ask host to enable sharing for playback control

Perché si parla di Fentanyl e crisi degli oppioidi anche in Italia

3/15/2024
Il governo ha annunciato un piano contro l’uso improprio del Fentanyl, un medicinale a base di oppioidi, dicendo di volere ridurre il rischio di una epidemia da dipendenza come quella che interessa da anni gli Stati Uniti. Con questa storia c’entrano alcuni dei farmaci antidolorifici più potenti disponibili, la loro vendita e il loro consumo senza molte precauzioni, centinaia di migliaia di morti e famiglie distrutte. Ma c’è davvero un pericolo anche in Italia? Raggiungeremo poi le profondità oceaniche per scoprire un progetto avveniristico e quasi fantascientifico per parlare con i capodogli, o almeno capire che cosa si dicono con le loro particolari vocalizzazioni. Infine vedremo perché il lavoro dei sismologi è molto diverso da quello dei cercatori di alieni, quasi sempre. Questo e gli altri podcast gratuiti del Post sono possibili grazie a chi si abbona al Post e ne sostiene il lavoro. Se vuoi fare la tua parte, abbonati al Post. Leggi anche: Presentato il Piano nazionale di prevenzione contro l’uso improprio di Fentanyl La crescente conta delle morti dovute al Fentanyl: “Questo è veleno” Bilancio dei morti da overdose negli Stati Uniti Come gli Stati Uniti stanno compromettendo i propri migliori strumenti per prevenire le morti nell’epidemia degli oppiacei Painkiller - Netflix Dopesick - Disney+ “Questa è l’America”, Francesco Costa Project CETI Come potrebbe verificarsi il primo contatto con la civiltà delle balene L’ambra grigia e i capodogli Sorpresa: un gadget extraterrestre era qualcosa di più familiare Learn more about your ad choices. Visit megaphone.fm/adchoices

Duration:00:32:22

Ask host to enable sharing for playback control

La Xylella spiegata bene e dall’inizio, ora che ne circola un’altra

3/8/2024
L’individuazione di una nuova sottospecie di Xylella fastidiosa, il batterio che ha causato la morte e l’abbattimento di 20 milioni di ulivi in Puglia, suscita qualche preoccupazione per la salute dei mandorli in territori già profondamente segnati dalle infezioni di Xylella. Per capire cosa potrebbe succedere e cosa fare per ridurre i rischi è importante conoscere la storia della grande epidemia negli ulivi di questi anni. Tutti sanno più o meno che cosa comporti la Xylella, pochi sanno come si è arrivati alla perdita di milioni di piante e a un grande danno ambientale ed economico, non solo per la Puglia. Vediamo poi che cosa sono gli orsi grolari e come è possibile che orsi di specie diverse si riproducano, forse anche a causa del riscaldamento globale e dell’impoverimento degli habitat. Chiudiamo poi con una notizia importante su donne, matematica e parità di genere. Questo e gli altri podcast gratuiti del Post sono possibili grazie a chi si abbona al Post e ne sostiene il lavoro. Se vuoi fare la tua parte, abbonati al Post. Leggi anche: È stata trovata una nuova sottospecie di Xylella in provincia di Bari Emergenza Xylella, lo speciale di le Scienze La Xylella continua a fare danni Le colpe dell’Italia sulla Xylella Non siamo così d’accordo su cosa sia davvero una specie Gli orsi grolari stanno aumentando Ibridazione recente tra un orso polare e orsi grizzly nell’Artico canadese Il ritorno degli orsi in Italia Il cambiamento sociale ed ecologico hanno portato all’estinzione storica dell’orso grizzly della California I vincitori del premio Crafoord di quest’anno possono vedere all’interno delle stelle e descrivere forme geometriche Quali sono i fattori che concorrono a determinare le disuguaglianze di genere nell’istruzione? Learn more about your ad choices. Visit megaphone.fm/adchoices

Duration:00:36:40

Ask host to enable sharing for playback control

Le malattie rare sono tantissime

3/1/2024
Il 29 febbraio, giorno raro, è stato scelto da tempo come Giornata mondiale delle malattie rare, per ricordare che ci sono circa 300 milioni di persone che hanno una delle quasi 8mila malattie rare conosciute. Le malattie rare sono tantissime e non è quindi così raro prendersi una malattia rara, spesso difficile da diagnosticare e da curare. Proviamo a capire perché e quali sono le nuove opportunità date dalla ricerca, tra grandi progressi e interessi economici. Ci spostiamo poi sulla Luna per vedere come alcuni robot inviati di recente hanno preso una brutta piega. Questo e gli altri podcast gratuiti del Post sono possibili grazie a chi si abbona al Post e ne sostiene il lavoro. Se vuoi fare la tua parte, abbonati al Post. Leggi anche: Rare disease day Il portale italiano delle malattie rare UNIAMO Osservatorio malattie rare Osservatorio terapie avanzate Conoscenze sulle malattie rare e i farmaci orfani Aggiornamento sui progressi del progetto pilota per chi sviluppa in ambito accademico e non profit farmaci per terapie avanzate Holostem e la difficile via delle cure all’avanguardia Il lander Odysseus è sulla Luna Il lander Odysseus è caduto su un lato La missione spaziale SLIM del Giappone ha raggiunto la Luna, ma con qualche imprevisto Perché la NASA ha rinviato i suoi piani per la Luna Dieci lezioni sui libri, con quelli che li fanno Learn more about your ad choices. Visit megaphone.fm/adchoices

Duration:00:36:53