Festival dei Diritti-logo

Festival dei Diritti

News & Politics Podcasts

Cinque puntate realizzate da Mattia Antico per raccontare la 18ª edizione del Festival dei Diritti 2020, con il contributo di Emilia Romagna Regione. I podcast sono produzioni Web Radio Giardino e Arci Ferrara. Per maggiori informazioni sul Festival: http://www.festivaldeidiritti.it/ Il Festival dei Diritti di Ferrara nasce nel 2002 per iniziativa di ARCI Nuova Associazione, CGIL, Nexus, Associazione Cittadini del Mondo, Associazione di volontariato Oltreconfine, Teatro Nucleo, con il contributo della Regione Emilia Romagna. Queste associazioni, diverse per storia ed interessi, hanno deciso di collaborare nella convinzione che, oggi più che mai, sia necessario costruire momenti di confronto trasversale per raggiungere una globalizzazione diversa e alternativa. Tale iniziativa mira alla promozione ed alla difesa dei diritti umani, del diritto al lavoro, alla casa, alla salute, all’alimentazione, all’acqua, all’informazione, alla cultura per tutte le popolazioni del mondo. I diritti formali, come la libertà di espressione e di parola, sono infatti inscindibili da quelli sostanziali o materiali, come il diritto al cibo, al lavoro, all’istruzione. La globalizzazione neoliberista assegna al mercato ed alla privatizzazione dei beni comuni il ruolo di regolatori dei processi economici e sociali, ma gli effetti determinati da questo modello sono il peggioramento delle condizioni di vita e di lavoro, uno sviluppo ineguale, squilibri nel processo di redistribuzione delle risorse, perdita del sapere, della conoscenza e dell’identità culturale, appropriazioni delle risorse energetiche, messa in discussione della sovranità alimentare, sfruttamento, limitazione delle libertà democratiche, dei diritti sociali e civili. La mancanza di una ripartizione equa dei benefici e delle opportunità ha provocato profonde fratture tra il Nord e il Sud del mondo generando nuovi protezionismi e dando spesso luogo a conflitti. Il processo di globalizzazione può costituire un potente fattore di emancipazione dei popoli solo se regolato e guidato da un “governo” partecipato e costituito in base a principi di democraticità, equità sociale e sostenibilità ambientale e socio-culturale del modello economico. Occorre quindi affermare, attraverso politiche di cooperazione e iniziative tese ad allargare e aumentare la consapevolezza culturale, un processo di sviluppo che si faccia garante di diritti e di clausole sociali. Oltre a momenti di approfondimento sviluppati tramite conferenze, dibattiti e incontri con esponenti della società civile, sono previste numerose attività culturali collaterali per introdurre questioni anche serie attraverso la cultura e la storia dei popoli evitando per rispetto alle comunità di raccontare sempre e solo episodi negativi (guerre e stragi). In quest’ottica vengono proposti cicli di film, concerti, produzioni teatrali, laboratori e cantieri. Tutti i percorsi del Festival sono condivisi e coinvolgono le scuole a tutti i livelli.

Cinque puntate realizzate da Mattia Antico per raccontare la 18ª edizione del Festival dei Diritti 2020, con il contributo di Emilia Romagna Regione. I podcast sono produzioni Web Radio Giardino e Arci Ferrara. Per maggiori informazioni sul Festival: http://www.festivaldeidiritti.it/ Il Festival dei Diritti di Ferrara nasce nel 2002 per iniziativa di ARCI Nuova Associazione, CGIL, Nexus, Associazione Cittadini del Mondo, Associazione di volontariato Oltreconfine, Teatro Nucleo, con il contributo della Regione Emilia Romagna. Queste associazioni, diverse per storia ed interessi, hanno deciso di collaborare nella convinzione che, oggi più che mai, sia necessario costruire momenti di confronto trasversale per raggiungere una globalizzazione diversa e alternativa. Tale iniziativa mira alla promozione ed alla difesa dei diritti umani, del diritto al lavoro, alla casa, alla salute, all’alimentazione, all’acqua, all’informazione, alla cultura per tutte le popolazioni del mondo. I diritti formali, come la libertà di espressione e di parola, sono infatti inscindibili da quelli sostanziali o materiali, come il diritto al cibo, al lavoro, all’istruzione. La globalizzazione neoliberista assegna al mercato ed alla privatizzazione dei beni comuni il ruolo di regolatori dei processi economici e sociali, ma gli effetti determinati da questo modello sono il peggioramento delle condizioni di vita e di lavoro, uno sviluppo ineguale, squilibri nel processo di redistribuzione delle risorse, perdita del sapere, della conoscenza e dell’identità culturale, appropriazioni delle risorse energetiche, messa in discussione della sovranità alimentare, sfruttamento, limitazione delle libertà democratiche, dei diritti sociali e civili. La mancanza di una ripartizione equa dei benefici e delle opportunità ha provocato profonde fratture tra il Nord e il Sud del mondo generando nuovi protezionismi e dando spesso luogo a conflitti. Il processo di globalizzazione può costituire un potente fattore di emancipazione dei popoli solo se regolato e guidato da un “governo” partecipato e costituito in base a principi di democraticità, equità sociale e sostenibilità ambientale e socio-culturale del modello economico. Occorre quindi affermare, attraverso politiche di cooperazione e iniziative tese ad allargare e aumentare la consapevolezza culturale, un processo di sviluppo che si faccia garante di diritti e di clausole sociali. Oltre a momenti di approfondimento sviluppati tramite conferenze, dibattiti e incontri con esponenti della società civile, sono previste numerose attività culturali collaterali per introdurre questioni anche serie attraverso la cultura e la storia dei popoli evitando per rispetto alle comunità di raccontare sempre e solo episodi negativi (guerre e stragi). In quest’ottica vengono proposti cicli di film, concerti, produzioni teatrali, laboratori e cantieri. Tutti i percorsi del Festival sono condivisi e coinvolgono le scuole a tutti i livelli.

Location:

Ferrara, Italy

Description:

Cinque puntate realizzate da Mattia Antico per raccontare la 18ª edizione del Festival dei Diritti 2020, con il contributo di Emilia Romagna Regione. I podcast sono produzioni Web Radio Giardino e Arci Ferrara. Per maggiori informazioni sul Festival: http://www.festivaldeidiritti.it/ Il Festival dei Diritti di Ferrara nasce nel 2002 per iniziativa di ARCI Nuova Associazione, CGIL, Nexus, Associazione Cittadini del Mondo, Associazione di volontariato Oltreconfine, Teatro Nucleo, con il contributo della Regione Emilia Romagna. Queste associazioni, diverse per storia ed interessi, hanno deciso di collaborare nella convinzione che, oggi più che mai, sia necessario costruire momenti di confronto trasversale per raggiungere una globalizzazione diversa e alternativa. Tale iniziativa mira alla promozione ed alla difesa dei diritti umani, del diritto al lavoro, alla casa, alla salute, all’alimentazione, all’acqua, all’informazione, alla cultura per tutte le popolazioni del mondo. I diritti formali, come la libertà di espressione e di parola, sono infatti inscindibili da quelli sostanziali o materiali, come il diritto al cibo, al lavoro, all’istruzione. La globalizzazione neoliberista assegna al mercato ed alla privatizzazione dei beni comuni il ruolo di regolatori dei processi economici e sociali, ma gli effetti determinati da questo modello sono il peggioramento delle condizioni di vita e di lavoro, uno sviluppo ineguale, squilibri nel processo di redistribuzione delle risorse, perdita del sapere, della conoscenza e dell’identità culturale, appropriazioni delle risorse energetiche, messa in discussione della sovranità alimentare, sfruttamento, limitazione delle libertà democratiche, dei diritti sociali e civili. La mancanza di una ripartizione equa dei benefici e delle opportunità ha provocato profonde fratture tra il Nord e il Sud del mondo generando nuovi protezionismi e dando spesso luogo a conflitti. Il processo di globalizzazione può costituire un potente fattore di emancipazione dei popoli solo se regolato e guidato da un “governo” partecipato e costituito in base a principi di democraticità, equità sociale e sostenibilità ambientale e socio-culturale del modello economico. Occorre quindi affermare, attraverso politiche di cooperazione e iniziative tese ad allargare e aumentare la consapevolezza culturale, un processo di sviluppo che si faccia garante di diritti e di clausole sociali. Oltre a momenti di approfondimento sviluppati tramite conferenze, dibattiti e incontri con esponenti della società civile, sono previste numerose attività culturali collaterali per introdurre questioni anche serie attraverso la cultura e la storia dei popoli evitando per rispetto alle comunità di raccontare sempre e solo episodi negativi (guerre e stragi). In quest’ottica vengono proposti cicli di film, concerti, produzioni teatrali, laboratori e cantieri. Tutti i percorsi del Festival sono condivisi e coinvolgono le scuole a tutti i livelli.

Language:

Italian

Contact:

00393490584925


Episodes

EP 5 - Il caso Somalia. Nuove priorità e buone pratiche sugli interventi di cooperazione internazionale post emergenza Covid-19

12/28/2020
In collegamento con Mattia Antico, dagli studi di Web Radio Giardino, ci sono Salvatore Marra per CGIL e Gabriella Rossetti per Nexus ER. Dalla Somalia interverrà poi Guglielmo Giordano, rappresentante AICS a Mogadiscio e chiuderà il podcast Omar Faruk Osman della Federazione dei Sindacati Somali. Credits Produzione: Arci Ferrara, Nexus Emilia Romagna Ideato e diretto da Mattia Antico per APS Web Radio Giardino Montaggio a cura di Marcin Pontoriero Voce traduzione italiano: Maria...

Duration:00:20:39

EP 4 - IRES innovazioni e rete di economia equo solidale

12/27/2020
Mattia Antico dialoga con Sabina Breveglieri di Nexus Emilia Romagna, Nouel Jabbes per Nexus Tunisia, Maria D’Incà per COSPE, Consuelo Paris e Rafia Buakbisa per la Cooperativa Amici senza Frontiere e Associazione sopra i ponti a proposito del progetto IRES e dell'economia equo solidale. Per ulteriori informazioni sui progetti e le attività...

Duration:00:48:15

EP 3 - Occhio ai Media: ai tempi di una pandemia nessuno è straniero

11/29/2020
Con Occhio ai Media presenteremo il loro ultimo monitoraggio riguardante la discriminazione mediatica in epoca Covid-19 Podcast a cura di Mattia Antico, facente parte della 18esima edizione del Festival dei Diritti, con il contributo della Regione Emilia Romagna.

Duration:00:45:04

EP 2 - Cucine Resilienti per il Popolo Saharawi

11/22/2020
In questo podcast racconteremo il progetto "CUCINE RESILIENTI: APPOGGIO ALLE ASSOCIAZIONI DI DONNE PER LA PRODUZIONE, CONSERVAZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE DI ALIMENTI -" con Fabio De Blasis (Nexus ER). Questi spunti porteranno a conoscere meglio la situazione dei campi profughi Saharawi durante l'emergenza Covid e non solo, grazie alle parole e all'esperienza sul campo di Sara Di Lello (Africa70). Podcast a cura di Mattia Antico, con la partecipazione di Pietro Perelli, facente parte della...

Duration:00:52:27

EP 1 - Come fare una rassegna in epoca di pandemia

11/15/2020
Mattia Antico dialoga con Roberto Roversi (presidente UCCA) e Paolo Minuto (titolare di Cineclub Internazionale) a proposito della rassegna promossa da Arci Ferrara in collaborazione con l'Unione dei Circoli Cinematografici Arci e Cineclub Internazionale. Inoltre discuteranno sull'attuale situazione del mondo cinematografico durante la pandemia Covid-19. La rassegna cinematografica la trovate comodamente a questo link: http://www.cinemaboldini.it/vimeo_festivaldeidiritti2020/ | 17 novembre...

Duration:02:36:11